È una delle prelibatezze più squisite della tradizione culinaria partenopea , un grande classico dello street food tra i vicoli di Napoli e un piatto perfetto per aperitivi o antipasti, magari in attesa di una bella pizza margherita . Stiamo parlando della frittatina di pasta napoletana: oggi scopriremo come preparare a casa piccoli medaglioni di pasta, amalgamati con la besciamella e con un ripieno cremoso di provola, carne macinata e piselli.

Questi piccoli timballi di pasta sono deliziosi appena fritti, ma sono buonissimi anche a temperatura ambiente e perfino freddi! Ne esistono diverse versioni, dalla variante con soli formaggi a quella vegetariana, ma la nostra preferita è la ricetta classica della tradizione campana: scopriamola meglio insieme.

Ricetta classica della frittatina di pasta napoletana

Per una preparazione a regola d’arte delle frittatine di pasta napoletana è fondamentale la frittura: dorata, croccante e salata al punto giusto. Per non farle aprire, c’è un segreto: far riposare e compattare i medaglioni in frigorifero per un paio d’ore prima di cominciare a friggere.

Ingredienti per 15 frittatine

• 500 gr di bucatini di Gragnano.

• 150 gr di carne macinata.

• 150 gr di provola di Agerola a cubetti.

• 50 gr di piselli.

• 50 gr di parmigiano reggiano 24 mesi DOP grattugiato.

• 1 cipolla.

• 1,5 lt olio di semi di arachidi.

• Olio Evo q.b.

Ingredienti per la besciamella

• 1 lt di latte.

• 160 gr di farina 00.

• 80 gr di burro.

• Noce moscata q.b.

• Sale q.b.

Ingredienti per la pastella

• 200 ml di acqua.

• 100 gr di farina 00.

• 10 gr di sale.

Preparazione delle frittatine di pasta napoletane

1. Cominciamo preparando la besciamella. Versa il latte in un pentolino sul fuoco e squaglia il burro in un tegamino.

2. Quando il burro è completamente sciolto, aggiungi la farina e sbatti con una frusta per amalgamare.

3. Versa prima il latte caldo un poco alla volta, poi un po’ di sale e noce moscata.

4. Continua a cuocere fino a quando la crema non diventa soda, poi versala in una ciotola, coprila con pellicola trasparente e falla raffreddare a temperatura ambiente.

5. Ora fai rosolare la cipolla in padella con 4 cucchiai di olio Evo, unisci la carne macinata e dopo un paio di minuti i piselli, lasciando sul fuoco per una decina di minuti.

6. Adesso prepara i bucatini, poi stendili su un tagliere, falli raffreddare e tagliali in più porzioni.

7. Quando bucatini e besciamella sono freddi, versa la besciamella sui bucatini stesi e impastali come se si trattasse di un impasto per la pizza.

8. Una volta che entrambi gli ingredienti sono ben legati, è il momento di modellare le frittatine. Prendi una piccola porzione di impasto, scava in mezzo per creare uno spazio in cui inserire la carne macinata con i piselli e un pezzetto di provola.

9. Richiudi e schiaccia in un coppapasta da 8 cm o modella con le mani se non hai lo stampo.

10. Con l’aiuto di una paletta, man mano poggia i medaglioni su un vassoio con carta da forno. Quando hai finito, metti le frittatine in frigorifero per almeno 2 ore.

11. Dopo aver atteso il tempo necessario, metti sul fuoco l’olio per friggere e passa alla pastella. In un contenitore metti la farina e aggiungi gradualmente l’acqua, mischiando con una frusta. Aggiungi il sale e continua ad amalgamare il tutto fino a quando la pastella sarà liscia e senza grumi.

12. Inzuppa la frittatina nella pastella, avendo cura di scolare quella in eccesso, e immergila nell’olio bollente. Puoi aggiungerne anche altre, ma non più di 2 o 3 alla volta per mantenere costante la temperatura dell’olio.

13. Quando le frittatine diventano dorate da entrambi i lati, bastano circa 3 o 4 minuti, puoi toglierle dal fuoco, poggiarle su carta assorbente e cuocere le altre. Finalmente puoi goderti le frittatine di pasta napoletana preparate con la ricetta classica della tradizione campana.

Come conservare la frittatina di pasta

Sono così buone che è difficile che possano avanzare, ma nel caso ricorda che i piccoli timballi di pasta possono essere conservati in frigo per 2 o 3 giorni. Il frigo tende a indurirle, quindi sarebbe preferibile riscaldarle prima di mangiarle.

Puoi anche congelare le frittatine crude e in un secondo momento farle scongelare in frigorifero e poi friggerle come descritto nella ricetta.

Se è vero che l’appetito vien mangiando, dopo qualche frittatina di pasta napoletana è il momento di assaporare qualcosa di più sostanzioso: scopri perché amiamo tanto la pizza con prosciutto iberico . Presto potrai assaporarla nelle nostre pizzerie di Pozzuoli e di Quarto, ti aspettiamo!